Blog: http://clandestinodellavita.ilcannocchiale.it

Il rispetto per i morti a dispetto degli sciacalli!

Oggi si commemora l'eccidio delle Foibe, i nipoti e i figli politici e naturali di coloro che hanno causato l'Olocausto ebraico, dopo aver ideato "la giornata della Memoria" per ripulirsi le coscienze e la mani sporche di sangue, non contenti, hanno creato anche questa "giornata del ricordo!"

Il blog come sapete, è al di sopra del meschino sciacallaggio politico, che a quanto pare in Italia non si ferma neanche davanti ai morti, anzi... e proprio per questo, in questa giornata molto triste, nella quale sembra che si vogliano ricordare solo le centinaia di vittime italiane, massacrate della truppe iugoslave, io voglio ricordare anche le
migliaia e migliaia di vittime slave: uomini trucidati, donne stuprate, bambini inghiottiti da immense fosse comuni, e i carnefici, i soliti italiani guidati da Benito Mussolini.

« Di fronte ad una razza inferiore e barbara come la slava non si deve seguire la politica che dà lo zuccherino, ma quella del bastone. [...] I confini dell'Italia devono essere il
Brennero, il Nevoso e le Dinariche: io credo che si possano sacrificare 500.000 slavi barbari a 50.000 italiani » Benito Mussolini

No, non si può dimenticare che le foibe sono state precedute da crimini di guerra e contro l'umanità perpretati dagli italiani, che mantengono il solito stereotipo di "brava gente"... e non si possono dimenticare i morti slavi, non per superstizione o per chissà quale suggestivo motivo, ma perchè quando si ammazza qualcuno, non si ammazza solo quella persona, ma si ammazza un figlio, si ammazza un padre o una madre, si ammazza una generazione che non vedrà mai la luce e con essa il futuro.

In ricordo delle vittime slave del Fascismo italiano e in ricordo delle vittime delle foibe.

Shin

Pubblicato il 10/2/2010 alle 12.33 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web