.
Annunci online

Margherita Hack delle meraviglie galattiche
post pubblicato in Videopost, il 21 febbraio 2010

Vabbè il titolo è un po' romboante, ma mi è venuto così e così l'ho messo.

Margherita Hack è forse una delle poche persone in Italia di cui possiamo andare veramente fieri e non vergognarci, come ahimè dovremmo fare per la maggior parte dei lestofanti che ci appaiono i tv ogni giorno.

 

Margherita Hack è nota, oltre che per la sua cultura e la sua professione di astronoma, anche per il fatto che è orgogliosamente atea, convinta solo in ciò che ci può osservare e dimostrare, stigmatizzando i comportamenti dei credenti, che si affidano a Dio per tutti quegli aspetti della vita che non capiscono o che non riescono a spiegarsi.

 

Nei video che riporto di seguito, che vi consiglio di vedere, investendo ottimamente non più di 15 minuti del vostro tempo, emerge tutta la sua umanità, tutta la sua meravigliosa umanità, che mi fa riflettere e pensare: ma se tutti i religiosi, fossero atei come la Hack, questo mondo non sarebbe migliore?

 

 

 

 

Parlando con Fazio degli scorpioni, la Hack afferma che pur avendone in casa qualcuno, non li uccide; non tanto per la “riverenza” verso il segno zodiacale (come ironicamente dice il conduttore), ma perchè “ammazzare qualcosa di vivente, dispiace sempre”... che belle parole e che bei valori da parte di chi è considerata una “senza-Dio” (senza peraltro riuscire minimamente ad offenderla, anzi)

Ma dire che Margherita Hack non crede in nulla, forse non è proprio vero, anzi. Il suo dio potrebbe essere considerato il fantomatico Bosone di Higgs, una particella che i fisici reputano la creatrice della materia, che ha dato massa a tutte le altre particelle. Il Bosone, così come il Dio della Chiesa, avrebbe creato tutto l'Universo e poi se ne è disinteressato (a differenza del Dio della Chiesa che invece all'occorrenza punirebbe o premierebbe gli esseri umani, in attesa, niente di meno che di giudicare ogni singolo uomo e donna e spedirlo all'inferno o al paradiso).

La professoressa Hack parla di questo Bosone, la cui esistenza peraltro non è stata neanche accertata, con una tale fede, una tale convinzione e per certi versi una tale gratitudine, che penso possa sicuramente fa invidia a tanti religiosi, che spesso finiscono per dubitare del loro Dio e addirittura finiscono spesso per rinnegarlo e/o contestarlo con veemenza.

Nell'intervista fatta da Enrico Lucci delle Iene, la Hack risponde a domande circa i miracoli e le Madonne che piangono... e se ne esce con una cosa carinissima: “ma perchè non ridono mai?”

Altro passo interessante è quando si parla di Gesù Cristo, che la Hack riconosce esclusivamente come entità umana, e di cui evidenzia la Parola intesa come esempio di moralità ed etica, assolutamente condivisibile sia da credenti che da atei.

“Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non per avere una ricompensa” - E questa frase secondo me mette ancora più in rilievo la differenza tra presunti religiosi, preti, vescovi o semplici fedeli che agiscono in nome del Signore, esclusivamente per avere un tornaconto personale, e la Hack; ma c'è dell'altro...

D: “Cosa ti commuove?”

R: “Le sofferenze del prossimo”

D: “Sei felice?”

R: “Si, perchè c'è una bellissima giornata e un cielo azzurro”

D: “Non hai paura?”

R: “No, paura di cosa?”

Belle, non c'è che dire, domande piccate con risposte che difficilmente riusciremmo ad avere persino dal Papa, risposte che fanno capire la grande fede, magari inconsapevole, ma comunque salda e vigorosa della Hack, che in vita, in questa vita, ha vissuto e continua a vivere meravigliandosi ogni giorno di tutto quello che scopre e osserva, dal banale cielo azzurro alla materia oscura dell'Universo.

E sinceramente, è uno stimolo oltre che un vero e proprio esempio di vita.

Shin

27 gennaio: in memoria di tutte le Anna Frank, di ogni colore, razza e credo religioso
post pubblicato in Videopost, il 26 gennaio 2010
Eccoci qua, come ogni anno, a commemorare nel Giorno della Memoria, la Shoah, l'Olocausto nazista che durante la Seconda Guerra Mondiale provocò la morte di 6 milioni di ebrei, zingari, comunisti, slavi, omosessuali, storpi.

Per quanto mi riguarda, il simbolo per eccellenza di quella mostruosità è Anna Frank, forse perchè nelle scuole è il primo libro “impegnato” che gli insegnanti ti fanno leggere, e quindi ti resta impresso in maniera indelebile nella mente.
Anna Frank, una bambina che insieme alla sua famiglia, non aveva compiuto nessun reato, non aveva rubato né ucciso, non aveva nessuna colpa, se non quella pretestuosa di essere ebrea e... per i criminali nazisti dell'epoca, questa “colpa” andava punita con la morte. E così fu.

Lo slogan di questa Giornata della Memoria solitamente è “Perchè non accada mai più”... mai parole sono state più vuote.
L'olocausto nazista purtroppo, non è stato l'ultimo olocausto o genocidio inteso come sistematico sterminio di popolazioni, etnie o religioni... dopo gli ebrei, è stato il turno dei tibetani, che hanno visto la loro religione e soprattutto la loro cultura, spazzata via dalla Cina comunista di Mao, che ancora oggi, sotto gli occhi di ONU, Stati Uniti d'America, Unione Europea, satelliti, aerei spia e via dicendo, sta provocando un genocidio stimato in almeno due milioni di morti.
Ma non solo, in Ruanda, nel 1994, sotto gli occhi dei caschi blu dell'ONU, in poco più di due mesi, furono sterminati mezzo milione di abitanti, la cui unica colpa era essere appartenenti ad una particolare etnia, i Tutsi, e per questo vennero sterminati.
E se non bastasse ancora, in Europa, nella nostra Europa che ha creato prima fascismo e nazismo, e poi l'Olocausto, un nuovo genocidio, perpretato a Srebrenica, vedeva truppe regolari di un esercito, quello serbo, uccidere sistematicamente tutti gli uomini e i ragazzi musulmani di quella zona, e per le donne invece, abusi e stupri con l'intento di “selezionare” una nuova generazione di bambini non più musulmani bensì cristiani.

Ma nel Giorno della Memoria, tutti commossi e con le facce serie, ci alimentiamo della solita menzogna “perchè non accada mai più”.
.. io vi dico, che dopo l'Olocausto ebraico, abbiamo avuto altri Olocausti e Genocidi, e di questi, nessuno potrà un giorno dire di “non sapere”, perchè migliaia di Anna Frank nere, tibetane o musulmane, sono state umiliate, stuprate e massacrate sotto gli occhi del Mondo Occidentale, che, a differenza di Pio XII (*) poteva fare molto, e invece, ha taciuto, e il silenzio non sfugge a Dio.

Shin

(*) Qualcuno ancora oggi, accusa Papa Pio XII di aver taciuto sull'Olocausto ebraico, mi domando però cosa poteva fare un Papa, che non aveva né un esercito né un potere politico, per fermare Hitler e Mussolini. Forse, nel silenzio, Pio XII ha sicuramente potuto aiutare molti più ebrei a sopravvivere

.
Canto e piango pensando che un uomo si butta via... che un drogato è soltanto un malato di nostalgia, che una madre si arrende e un bambino non nascerà, che potremmo restare abbracciati all'eternità...
post pubblicato in Videopost, il 17 gennaio 2010
La passione per Renato Zero, ci è stata tramandata da mia madre, e in particolare a me, figlio dei primi stereo con il cd e il magico tasto "repeat", ha fatto compagnia nei primi anni '90 quando ero ancora troppo piccolo per andare a scuola alla mattina, ma già abbastanza grande per premere il tasto "open", mettere il cd, e selezionare le canzoni...
Bei tempi quelli!




Questa canzone, Più su, mi è capitata tra le mani qualche tempo fa, durante le vacanze natalizie, quando un po' per noia, un po' perchè avevo il mio inconsapevole appuntamento con i ricordi, ho preso un cd e l'ho riascoltata.

I miei passaggi preferiti sono questi:

Sboccia un fiore malgrado nessuno lo annaffierà, mentre l'aquila, fiera a morire andrà, il poeta si strugge al ricordo di una poesia, questo tempo affamato consuma la mia allegria!

Canto e piango pensando che un uomo si butta via... che un drogato è soltanto un malato di nostalgia, che una madre si arrende e un bambino non nascerà, che potremmo restare abbracciati all'eternità...

Bella, bella, bella ancora oggi, a distanza di tanti anni la riascolto e penso che questa sia una delle più belle canzoni di Renato.

Notte, Shin

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Renato Zero Amore Più Su

permalink | inviato da clandestinodellavita il 17/1/2010 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'Italia agli italiani, fuori ebrei ed africani... questo non è razzismo, è l'AMORE di chi vota Berlusconi!
post pubblicato in Videopost, il 18 dicembre 2009


Ad una prima e superficiale osservazione, le frasi di questi ragazzoni, elettori del Berlusconiconsolidato leader dell'AMORE e padrone della coalizione che si esprime con gesti altruistici e magnanimi, potrebbero sembrare razziste... in realtà questo è AMORE.

Certo, AMORE, nel senso Berlusconiano del termine, che poi molto si avvicina al concetto nazista di AMORE propagandato da Hitler, Himmler, Goebels, e via dicendo nel Terzo Raich (anche se l'AMORE dei nazisti si rivolgeva anche verso i nemici politici, sfociando in oculate eliminazioni, ma sempre per AMORE, ovvio).

Che dire, siamo il paese occidentale, più lontano dalla democrazia, più razzista (pur avendo avuto un regime, il Fascismo che si è reso responsabile, a causa del suo razzismo, della più grande tragedia della storia, l'OLOCAUSTO), però... siamo anche l'unico paese al mondo, credo, in cui giustifichiamo tutte le porcate che i governanti commettono, chiamando in causa, l'AMORE.

Evviva Silvio, leader dell'AMORE... quasi un figlio dei fiori!

Shin

Ma Berlusconi non alimentava odio quando chiamò “coglioni” chi non lo votava?
post pubblicato in Videopost, il 14 dicembre 2009


“Perchè mi odiano tanto, io amo tutti”
Sembra che siano queste le parole d Silvio Berlusconi dette ad un prete dopo l'aggressione subito ieri sera.

Lui ama tutti???
Ma vi ricordate quando chiamò COGLIONI tutti quelli che non lo votavano? Basterebbe questo ad “addolcire” un po' quello che è successo ieri.

Ma andiamo non siamo ipocriti e per una volta non comportiamo da italioti!
Il clima di odio che c'è nel paese è frutto della politica aggressiva e nepotista del ducetto... vi siete scordati quando governava Prodi?
Berlusconi propose lo SCIOPERO FISCALE, incentivava le persone a non pagare più le tasse!
Ma sono tante le schifezzate che ha fatto quest'uomo, garantendosi impunita alla faccia delle persone oneste:

si è depenalizzato il falso in bilancio per non andare in galera,

ha speculato sul dramma della povera Eluana (PUO' AVERE FIGLI, ve lo ricordate?) pur di accattonare qualche voto,

ha portato nel nostro parlamento mafiosi e camorristi e ha garantito loro l'immunità,

ha portato nel nostro parlamento i leghisti... che neanche si identificano nell'inno e nella bandiera eppure il ricco stipendio se lo pappano,

ha omologato i clandestini al rango di criminali, facendo di fatto una legge razzista stile fascismo,

ha fatto una guerra, quella in Iraq, mandando a morire i nostri soldati, solo per fare bella figura con l'amico Bush.

Berlusconi è il premier del G8 di Genova, dove la polizia massacrò quei ragazzi indifesi alla Diaz senza alcun motivo!

Ma chissà quante altre cose mi sfuggono ora!

Lo ammetto, anche a me ha fatto una cosa al cuore vederlo, non sanguinante, ma spaventato e dolorante, mantenersi il viso. Credo che davanti ad una scena in cui un anziano viene colpito e sviene, si debba essere solo dei mostri per rimanere indifferenti.
Ma tra il dire “mi dispiace, povero nonnino” e santificarlo, dicendo che è una brava persona, altruista, magnanima, che ha a cuore il Paese e menate varie, ce ne passa, ma ce ne passa, ce ne passa, ce ne passa!
Berlusconi non è un buon premier, non è un uomo da emulare, non è un buon esempio per i giovani, in un paese civile ed occidentale come il nostro è un'anomalia perchè ha iniziato a fare politica solo per salvarsi dalla galera, e nel fare ciò ha diviso gli italiani, creando uno stile d'odio, utilizzando anche i suoi mezzi di comunicazione: dalle 3 reti mediaset, ai giornali Libero e ilGiornale (vi siete scordati come è stato crocifisso Boffo qualche mese fa??? Quello non era clima d'odio fatto da Berlusconi)

Quindi non siamo ipocriti ora, l'ipocrisia lasciamola a Casini e Bersani! Io mi immedesimo più nelle parole di Di Pietro:
CONDANNO LA VIOLENZA, MA ORA NON VENITEMI A DIRE CHE BERLUSCONI E' UN SANTO E CHE NON HA MAI ALIMENTATO ODIO...

Shin

E speriamo che la pseudo democrazia che ci governa, non approfitti di questa aggressione per fare incetta di siti web e blog contrari al ducetto... che ci manca veramente poco per diventare una dittatura come l'Iran

Trovo ci sia la stessa ipocrisia di chi oggi, dice su Facebook "no ad ogni violenza" con la faccia tumefatta di Berlusconi, mentre il giorno dopo l'attentato a Kabul contro gli italiani, scriveva "bombardiamo l'Afghanistan"...

Tra l'assassino Barabba e Gesù Cristo, il popolo scelse Barabba; tra l'indagato Berlusconi e un qualsiasi altro candidato onesto, il popolo ha scelto Berlusconi!
post pubblicato in Videopost, il 12 dicembre 2009


Questo video dovrebbe farci riflettere e chissà anche ispirarci.
Ispirarci perchè questa “meraviglia” che è la democrazia o anche il semplice consenso popolare, alle
volte, anzi, spesso, finisce per appoggiare persone al limite del criminale.


Negli Usa, quell'assassino criminale maledetto d George W. Bush, aveva un ampio consenso, malgrado le sue scempiaggini, oggi Obama che sta cercando di appianare i disastri del suo predecessore e contemporaneamente fare delle cose buon per il Mondo intero, viene osteggiato.
Nel mondo arabo, Osama Bin Laden ha l'appoggio delle masse, tutti sono con lui, con la Jihad, invece di sostenere leaders moderati come il re di Giordania.
In Italia, quando dobbiamo scegliere tra un candidato premier onesto ed incensurato, che magari capisca anche qualcosina di politica, e Silvio Berlusconi che non è in galera solo grazie ad amnistie, prescrizioni e lodi, scegliamo Berlusconi.

E nella storia, al più grande uomo di tutti, Gesù Cristo (sulla cui santità possiamo non essere tutti d'accordo, ma di sicuro tutti gli riconosceranno il fatto di essere stato un uomo per bene) fu preferito, dopo consultazione popolare, il criminale assassino di Barabba, che ebbe salva la vita mentre sulla Croce ci andò il Cristo.
E potremmo citare anche gli assassini di Ghandi (non certo quello di un fondamentalista indù), quello di Kennedy (non certo di un assassino come Bush), quello di Martin Luther King (e non certo il fondatore del Ku Klux Klan), quello di Rabìn (e non certo quel maiale di Sharon).

Insomma, il popolo osteggia le persone per bene e si affida a criminali, dittatori, ladri, violenti.
Mi domando allora: MA NON SARA' MICA CHE C'E' UN PROBLEMA NELLA POPOLAZIONE MONDIALE???

Shin
AAA novelli Ghedini cercasi per difendere le maestre di Pistoia che maltrattavano i bambini all'asilo!
post pubblicato in Videopost, il 4 dicembre 2009


Italia, il paese in cui tutti sono innocenti: politici mafiosi e camorristi, imprenditori ladri ed evasori, stupratori, assassini, pedofili... il paese in cui nessuno (tranne negri, zingari ed extracomunitari in generale) davanti alle prove più schiaccianti è mai condannato.
Viviamo ogni giorno di situazioni incredibili: Raffaele Sollecito è uno studente modello, Amanda Knox è una madonnina, Nicola Cosentino è un politico oculato, Callisto Tanzi era all'oscuro del crack Parmalat, Berlusconi non ne parliamo proprio...abbiamo poi avuto di recente la storia al limite della follia di quella giornalista che vuole sposare Angelo Izzo e addirittura ne proclama l'innocenza!

Ma stiamo vivendo in questi giorni qualcosa di ancora peggiore ovvero la vicenda dei bambini dell'asilo nido di Pistoia maltrattati da due maestre.
Tremende e disgustose le scene di violenza su questi fagottini impauriti e vessati nel corpo e soprattutto nella mente, ma ancora più disgustose le dichiarazioni di uno dei due avvocati delle maestre, che in perfetto stile Niccolò Ghedini e Giulia Buongiorno, ha affermato che non essendoci l'audio non si può sapere la verità e che le immagini sono troppo confuse.

Oramai la gente ha imparato: negare sempre e comunque i propri crimini, vestire i panni del perseguitato, mentire davanti all'evidenza e poi invocare il “lecito dubbio” (credo si dica così in certi ambienti) per garantirsi l'impunità.
Poi magari un processo breve con annessa prescrizione renderà la difesa di certi avvocati più facile da oggi in poi
e noi in Italia, piano piano, assimileremo anche queste cose, in fondo non siamo il popolino a cui tutto va bene e che si adatta a tutta la merda che ci viene imboccata ogni giorno!

Shin

Sfoglia gennaio       
il mio profilo
tag cloud
links
calendario
cerca