.
Annunci online

Povia canta Eluana e i suoi genitori
post pubblicato in diario, il 19 febbraio 2010

Mi sono profondamente commosso ad ascoltare la canzone di Povia dedicata ad Eluana Englaro. Ma forse, dire "dedicata ad Eluana" è una grande riduzione, perchè la canzone è dedicata soprattutto ai genitori, persone che hanno dovuto vedere la loro figlia, la loro speranza, il loro futuro, vegetare per anni dentro ad un letto, intrappolata nella barbaria umana che si chiama "tecnologia" che in campo medico ti tiene in vita anche quando sei morto.

Ascoltare la parole dell'ultima parte del brano, quelle in cui Eluana finalmente libera, continua ad essere accanto a suo padre nell'attesa di ritrovarsi un giorno tutti insieme, è davvvero toccante e commovente.Per fortuna, sembra, come ho sempre sostenuto, che certe cose non si devono per forza provare sulla propria pelle, per capire il dolore e la sofferenza, e non lasciarsi andare a violente sentenze e acidi giudizi contro chi dalla vita ha già avuto il dramma più grande: vedere morire un figlio!

Shin

Il mio personale grazie a Beppino Englaro, nella speranza che non ci siano mai più altre Eluana a subire quel supplizio!
post pubblicato in diario, il 9 febbraio 2010
Ad un anno dalla morte di Eluana Englaro (morte legale, perchè la giovane sarebbe morta naturalmente anni fa) tuonano come un duro richiamo le parole del padre Beppino, che malgrado la sua battaglia l'abbia combattuta ed abbia raggiunto ciò che voleva (non ha vinto la sua battaglia, perchè “vincere” e seppellire una figlia è una vera sciocchezza), si domanda: perchè non è stata fatta ancora una legge?

Già, chissà perchè non è stata fatta una legge che disciplini chiaramente il fine-vita, che eviti, in futuro, il ripetersi di altri casi come quello di Eluana, derubata della sua dignità e costretta per anni a non-vivere, legata a macchine che le buttavano aria nei polmoni e che l'alimentavano artificialmente, macchine che con gli anni l'hanno ridotta ad una larva e che a causa dello sciacallaggio catto/politico non si riuscivano a spegnere, in nome di migliaia e migliaia di voti.

Ecco, in questa giornata, vorrei ringraziare Beppino Englaro, che in un paese di ignavi e di sconfitti, combatte per tutti noi: combatte per me, per te che stai leggendo e per tutti i padri, le madri e i figli di questo paese, che un giorno potrebbero vivere lo stesso supplizio passato da lui e dalla sua famiglia e trovarsi intrappolati in un corpo morto e tenuto artificialmente in vita, e soprattutto, intrappolati dalla cupidigia e dallo sciacallaggio dei politici italiani.

Proprio oggi, quel vergognoso premier che abbiamo, si è pronunciato confermandosi lo sciacallo che è, affermando che “gli sarebbe piaciuto salvare Eluana”.
Forse, era meglio che il premier non avesse ucciso nel grembo della moglie Veronica Lario, il suo figlio SANO (rispetto ad Eluana in stato vegetativo), praticando un aborto – OMICIDIO, invece piuttosto che dare lezioni!

Shin
#40 - Eluana Englaro SI, Stefano Cucchi NO?
post pubblicato in Domande innocenti, il 15 novembre 2009
In questa tarda domenica 15 novembre, voglio farmi una domanda innocente:
vi ricordate Eluana Englaro e il vergognoso sciacallaggio dei politici pro-vita... non si poteva interropere alimentazione ed idratazione ad un cadavere che "funzionava" solo grazie alle macchine e alla follia di certi medici che in nome della "vita" avevano costretto la povera ragazza a quel supplizio lungio decenni.

Bene, Eluana Englaro, MORTA, doveva essere alimentata ed idratata a forza, Stefano Cucchi ed un altro detenuto tunisino, morti nelle carcere dell'Italia, e ufficialmente morti "per stenti perchè rifiutavano il cibo", non potevano essere alimentati forzatamente pur di salvarli?
Cioè i difensori della vita nel nostro paese, non hanno fatto nulla per salvare la vita di due giovani, con seri problemi sociali come la droga, ma VIVI, e invece si accanivano come bestie su una poveretta oramai morta da anni ( e su suo padre).

Insomma... Quagliariello, Sacconi, Gasparri, che buttavano per aria microfoni alla Camera e volevano picchiare quelli di sinistra che non la pensavano come loro, perchè non sono intervenuti e non s'indignano, ORA per la morte di questi due detenuti che se fossero stati alimentati a forza come Eluana, sarebbero vivi? E potrebbero avere figli (Berlusconi docet)!

Non si prendono voti...?

Shin
I cattocorroti (*), avrebbe fatto meglio a stare zitti!
post pubblicato in Videopost, il 7 febbraio 2009


Davanti al dolore della famiglia Englaro, vittima di una tragedia inumana, che nessuno può capire, perchè nessuno ha mai dovuto sopportare la visione di una figlia morta, ma legata a delle macchine che la tengono artificialmente in uno stato di non vita, da 17 anni, sarebbe stato meglio il dignitoso silenzio.

La Chiesa e la classe politica che ci governa, non l'hanno capito, ma hanno preferito sentenziare e giudicare su qualcosa che probabilmente non possono capire, sciacallando su una tragedia personale e familiare.
Tra le frasi odiose che si sono sentite in questi giorni (non ultime quelle delle suore della clinica in cui Eluana era ricoverata, che accusarono il padre di non amarla), quella che più di tutte ho trovato ignobile, e stata pronunciata da Alessandra Mussolini a "La Vita in Diretta".

"IO TOGLIEREI L'ACQUA E IL CIBO AL PADRE DI ELUANA". (PER ASCOLARLA, ANDATE AL 3° MINUTO DEL VIDEO)

Questa frase, indica che la Mussolini, non ha a cuore nè i precetti cattolici per quanto rigurda la difesa della vita, nè la vita in se, visto che metterebbe a morte il papà, sano, di Eluana; lei semplicemente vuole che la sua idea prevalga, anche mettendo a tacere chi non la pensa come lei, e questo, coerentemente, è degno di Mussolini.

In un paese civile, la famiglia Englaro sarebbe stata trattata con rispetto e discrezione, specie poi quando un altro dramma sconvolge la loro esistenza, ovvero
il male che ha colpito Saturna Englaro a pochi anni dalla morte (nel 1992) di Eluana.

Shin

(*) con il termine cattocorrotti, non intendo solo i corrotti cattolici che ci governano (o che siedono in Parlamento), corrotti dal denaro, ma mi riferisco anche a
quei politici "cattolici" divorziati, che vanno a puttane, che hanno nei loro partiti mafiosi, camorristi, ladri, che hanno figli ultra divorziati e tutte quelle porcate che fanno.
Poi però, quando arriva la telefonata del Bertone, del Bagnasco, del Ruini di turno, tutti pronti a saltare sugli attenti per difendere i "valori della Chiesa".
Vergognosi!!!
Quando rispettare la Legge è un optional.
post pubblicato in diario, il 13 dicembre 2008
In questi giorni è tornato alla ribalta il caso Eluana Englaro; la Legge italiana (scrivo Legge con la "L" maiuscola perché voglio far finta che anche in Italia sia una cosa seria) ha stabilito che la giovane che versa in un irreversibile stato vegetativo da 17 anni può dignitosamente morire tramite interruzione dell'alimentazione e dell'idratazione, come da sua volontà.
E tutto chiaro, scritto nero su bianco, però… la Legge in Italia non è una cosa che deve per forza essere rispettata, anzi sembra proprio che in Italia la Legge non sia fatta per essere rispettata.
Il povero Beppino, padre di Eluana, non è riuscito a trovare una struttura ospedaliera in Lombardia, Toscana e Friuli, in grado di far rispettare la Legge e dare la pace eterna alla figlia.
In Lombardia, in fondo me lo sarei aspettato, è risaputo infatti che la sanità lombarda è nelle mani del governatore Formigoni che a sua volta è nelle mani di Comunione e Liberazione che piazza tutti i medici obiettori nelle strutture pubbliche per impedire che la Legge italiana sia rispettata (come nel caso in questione appunto); quelli che però mi hanno profondamente deluso sono la Toscana e il Friuli. Evidentemente anche li l'ingerenza cattolico/fondamentalista è forte.

Prendiamo un altro paese, con una situazione politica molto più drammatica rispetto alla nostra, ma con una civiltà che neanche ci vede: Israele.
Nei mesi scorsi, una sentenza della Corte Costituzionale israeliana ha stabilito che le colonie ebraiche abusive nei territori palestinesi, dovevano essere sgomberate. L'esercito israeliano doveva provvedere a questo sgombero.
La Legge era stata chiara, i ragazzi di 20-22 anni che devono prestare servizio di leva obbligatoria per 2 anni, cresciuti nei kibbutz e con una fortissima morale ebraica, dovevano sgomberare le colonie di altri ebrei, per restituire i terreni ai palestinesi che sono una costante minaccia per l'incolumità israeliana a causa del lancio di razzi oltre confine.
La Legge era Legge (in Israele) e nessun si è sognato di "obiettare"…

Secondo me basta questo esempio per sancire ancora una volta la pochezza italiana rispetto a situazioni ben più gravi e molto meglio gestite in tutto il resto del mondo, ma in quanto a mediocrità questo paese sembra proprio non voler abbandonare la sua poco edificante posizione di leadership.

Shin

Eluana è morta 16 anni fa.
post pubblicato in diario, il 14 novembre 2008
Forse Eluana Englaro troverà finalmente pace. Il padre ha avuto l'ultima autorizzazione per sospender l'idratazione e l'alimentazione artificiale che imprigionano il corpo della giovane su questa terra da 16 anni.

Io sono un cattolico, e questa polemica mi fa davvero voltare lo stomaco! Ho sentito suore (suore, lo ripeto) accusare il povero Beppino Englaro di non amare la figlia e di lasciarla alle loro "cure" se per lui è un peso. Mi domando come possano persone che si reputano "di Dio", mostrare così poca sensibilità verso un padre che ha visto la figlia morire ogni giorno un pò per 16 anni.
Ah già, le suore non hanno neanche idea di cosa sia un figlio...!

Eluana sarebbe morta in pace 16 anni fa con l'incidente. Probabillmente Dio nel suo disegno divino voleva Eluana con se quel giorno, le era stato dato un tempo su questa terra, trascorso il quale doveva tornare al Padre.
Dio però non aveva fatto i conti con l'essere più malvagio al mondo, l'uomo che con le sue macchine artificiali ha bloccato Eluana ad un letto, l'ha costratta a subire abusi ed umiliazioni e questo contro la sua volontà. Ironia della sorte Eluana aveva espresso di non voler essere tenuta in vita in modo artificiale poco prima del suo incidente...

Mi fanno ridere quelle persone che dicono: "il sondino che l'alimenta non è una macchina". Eluana può forse mangiare da sola? Può forse bere da sola? NO! Allora quell'aggeggio che la tiene in vita è artificiale, è contro natura, continua ad essere accanimento terapeutico.
E poi, potrei capire se dopo 20 anni di vita legata ad una macchina il corpo guarisce e torni a vivere una vita normale, allora ben venga l'accanimento terapeutico, ma alla fine il corpo di Eluana non migliora affatto, anzi peggiora di giorno in giorno come l'emorragia di qualche settimana fa ha dimostrato.

Il Vaticano, l'Osservatore Romano e i cattolici italiani s'indignano e cercano di sovvertite la legge, io sinceramente da cattolico, m'indigno per quello che dicono queste autorità "vicine a Dio", dimostrando ancora una volta la loro scarsa sensibilità su temi etici e morali di primaria importanza (ad esempio "no all'uso dei metodi contraccettivi" con l'AIDS che è una piaga mondiale in continua espansione...)

Shin
Sfoglia gennaio       
il mio profilo
tag cloud
links
calendario
cerca